Liposuzione delle Gambe

Liposuzione delle Gambe

La lipoaspirazione consiste nell’asportazione di tessuto adiposo localizzato mediante l’utilizzo di una cannula metallica di piccole dimensioni collegata ad una pressione negativa.

Le incisioni che vengono fatte per introdurre la cannula sono delle stesse dimensioni del diametro della cannula stessa.

La lipoaspirazione alle gambe consiste nell’aspirare il tessuto adiposo dalla regione anteriore e posteriore delle gambe, ossia quel tratto di arto inferiore che va dal ginocchio alla caviglia.

E’ una metodica che consente di rimuovere il tessuto adiposo e la cellulite con diverse tecniche:

• Per aspirazione ‘vacuum’.

• Ultrasuoni ( distrugge selettivamente la cellula di grasso rispettandone le strutture circostanti come i vasi sanguigni e i nervi).

La liposcultura è indicata per tutte le lipodistrofie (alterazione degenerativa del grasso) come cellulite, adiposità localizzate e diffuse, con finalità puramente estetiche oppure nelle malattie del tessuto adiposo sottocutaneo (lipomi, cisti). La lipoaspirazione non è una terapia per la cellulite ma per l’adiposità localizzata.

La cellulite è una malattia cronica che porta a una degenerazione del tessuto connettivo. Questa patologia viene correttamente chiamata “pannicolopatia edematofibrosclerotica” e spesso coesiste con l’adiposità localizzata.

Il candidato ideale per questo intervento è un paziente giovane o di mezza età, uomo o donna, che gode di buona salute, con un peso corporeo ideale rispetto all’altezza, e con un buon tono cutaneo.

Preoperatorio In genere vengono suggerite tre semplici regole per la serata e la notte precedenti l’intervento.

  • Fare un bagno caldo: l’idea di essere igienicamente perfetti aiuta a prendere sonno.
  • Mangiare qualcosa di leggero (esempio: pesce al vapore con verdura e macedonia) evitando vino e bevande alcoliche che possono rallentare la digestione e interferire con l’anestesia.
  • Prendere un sedativo, anche naturale, per riposare bene.

Il giorno dell’intervento bisogna avere l’accortezza di indossare abiti comodi, possibilmente aperti davanti e non accollati. Meglio calzare scarpe basse e non allacciate; niente trucco né smalto per le unghie perchè durante l’anestesia si controlla il loro colorito per verificare il livello di ossigenazione del corpo. Nelle 6 ore che precedono l’ingresso in sala operatoria è vietato bere e mangiare: la presenza di cibo nello stomaco potrebbe alterare il corretto andamento dell’anestesia.

Prima di tutto si esegue il ‘mappaggio’, ovvero il disegno pre-operatorio con cui, sul corpo della paziente in piedi, si marcano le zone da trattare.